USA: all’interno del vasto reclutamento di Lookheed Martin nei campus universitari

USA: all’interno del vasto reclutamento di Lookheed Martin nei campus universitari

Abbiamo tradotto da In These Times questa lunga ed articolata inchiesta a firma Indingo Oliver sui rapporti tra università ed industria della difesa negli Stati Uniti. L’articolo presenta magistralmente le varie implicazioni di questo rapporto perverso, dal sottofinanziamento pubblico dell’istruzione universitaria, fino al peso della collocazione di classe e della linea del colore nei processi di reclutamento delle gigantesche corporation delle armi. Infine il modo in cui questa relazione distrae risorse, capacità umane e saperi da sfide socialmente condivise come il cambiamento climatico e le disuguaglianze per incanalarle nella costruzione di strumenti di morte, che come si sa prima o poi verranno utilizzati.

Abbiamo scelto di tradurre questo testo perchè i progetti di collaborazione e finanziamento tra università ed industrie degli armamenti si stanno sempre più insinuando anche all’interno dei gangli dei nostri atenei. Si prenda ad esempio il progetto del Polo Aerospaziale a Torino dove sia Unito che il Politecnico sono coinvolti. Ma più in generale i programmi di investimento nei settori della ricerca in armamenti o double use civile/militare stanno investendo scuole ed università in tutto lo stivale. E’ facile immaginare che con il nuovo governo questa tendenza vedrà un’ampliamento.

L’inchesta che abbiamo tradotto si concentra in particolar modo su Lockheed Martin, una delle più grandi corporation di armamenti USA che ha siti produttivi e contoterzisti anche in Italia. Buona lettura!

La laurea in ingegneria per la filiera dell’industria della difesa.

Ad un’osservatore casuale gli elicotteri Black Hawk e i Sikorsky S-76 possono essere sembrati incongrui parcheggiati accanto al sindacato studentesco nel campus verde pastorale dell’Università del Connecticut, ma quel particolare giovedì del settembre 2018 era il Lockheed Martin Day e gli aerei furono l’attrazione principale.

Un piccolo gruppo di studenti si trovava nelle vicinanze, cartelli in mano, protestando contro la presenza della Lockheed e informando gli altri su un recente massacro.

Settimane prima, 40 bambini erano stati uccisi quando un attacco aereo della coalizione guidata dai sauditi aveva sganciato una bomba da 500 libbre su uno scuolabus nel nord dello Yemen. Un’indagine della CNN ha scoperto che Lockheed – il più grande produttore di armi al mondo – aveva venduto le munizioni guidate di precisione all’Arabia Saudita un anno prima in un accordo da 110 miliardi di dollari in armi negoziato sotto l’ex presidente Donald Trump.

Di nuovo a Storrs, nel Connecticut, Lockheed, che ha una partnership di lunga data con UConn, è apparsa nel campus per reclutare con conferenze in stile TED, simulazioni di volo, dimostrazioni tecnologiche e interviste sul posto. Alcuni fortunati studenti hanno fatto un volo in elicottero intorno al campus.

UConn è tra almeno una dozzina di università che partecipano al Lockheed Martin Day, parte di un ampio sforzo nazionale per stabilire filiere di reclutamento dell’industria della difesa nei programmi STEM (scienza, tecnologia, ingegneria e matematica) dei college. Dozzine di campus a livello nazionale hanno ora partnership aziendali con Lockheed e altri produttori di armi.

Lockheed è il più grande appaltatore governativo del paese, producendo Black Hawk, caccia F-35, sistemi anticarro Javelin e i missili Hellfire che si possono trovare sui droni Predator. Con oltre 114.000 dipendenti, l’azienda dipende da un pool di lavoratori altamente qualificati e altamente specializzati, completi della capacità di ottenere autorizzazioni di sicurezza adeguate quando necessario. Nel suo più recente rapporto annuale, Lockheed dice agli investitori: “Competiamo sempre più con le società tecnologiche commerciali al di fuori dell’industria aerospaziale e della difesa per posizioni tecniche, informatiche e scientifiche qualificate poiché il numero di ingegneri nazionali qualificati sta diminuendo e il numero di professionisti informatici non sta tenendo il passo con la domanda”.

Lockheed ha assunto più di 21.000 nuovi dipendenti dal 2020 per sostituire i lavoratori in pensione e tenere il passo con il turnover. Le filiere degli studenti sono parte integrante della strategia di acquisizione dei talenti dell’azienda.

Poiché i costi delle tasse scolastiche e il debito studentesco sono saliti alle stelle, Lockheed ha attirato gli studenti con borse di studio, stage ben pagati e un programma di rimborso del prestito studentesco. Quando la pandemia ha reso più difficile il reclutamento di persona, Lockheed ha ampliato il suo raggio d’azione virtuale: dopo un evento di assunzione virtuale del 2020, la società ha registrato un aumento del 300% delle offerte e un aumento del 400% delle accettazioni di lavoro tra i partecipanti al programma di borse di studio STEM rispetto all’anno precedente.

E in uno sforzo, così descritto dall’azienda, per diversificare la sua forza lavoro e costruire una cultura inclusiva, Lockheed ha anche posto nuova attenzione sul supporto finanziario e sul reclutamento nei college e nelle università storicamente nere.

Gli sforzi di reclutamento di Lockheed sono intrecciati con vari tipi di “partnership di ricerca”. Le università ricevono sovvenzioni a sei e sette cifre da Lockheed e altri appaltatori della difesa – o somme ancora più massicce dal Dipartimento della Difesa – per lavorare sulla ricerca di base e applicata, fino a includere progetti, prototipi e test della tecnologia delle armi. Uno studente potrebbe lavorare sulla ricerca sponsorizzata da Lockheed come parte del carico del corso, quindi stagista durante l’estate alla Lockheed, essere ufficialmente reclutato da Lockheed dopo la laurea e iniziare a lavorare lì immediatamente, con le autorizzazioni alla difesa già in atto – a volte continuando lo stesso lavoro. Nel 2020, Lockheed ha riferito che oltre il 60% degli stagisti laureati sono diventati dipendenti a tempo pieno.

Lockheed non è sola tra le corporation o gli appaltatori militari nella sua aggressiva sensibilizzazione universitaria, ma la presenza espansiva di società di difesa private nei campus solleva domande sulla misura in cui le aziende – in particolare quelle che traggono profitto dalla guerra – dovrebbero influenzare le traiettorie di carriera degli studenti. Ad aprile, gli studenti e i manifestanti della comunità della Tufts University hanno bloccato un evento di reclutamento della General Dynamics, poi hanno protestato fuori da una presentazione di Raytheon alla fine di quel mese, cantando: “Vediamo attraverso il vostro fumo e i vostri specchi. Non potete avere i nostri ingegneri”.

Gli studenti di New Haven godono di un simulatore di volo Lockheed Martin in una fiera della carriera il 19 febbraio 2020. Lockheed non è solo uno dei maggiori produttori di armi del mondo, ma uno dei maggiori datori di lavoro di ingegneri del software in Nord America.
COURTESY OF THE UNIVERSITY OF NEW HAVEN; PHOTOGRAPHED BY DEFINING STUDIOS & DEFINING PROPERTIES

Illah Nourbakhsh, professore di etica alla Carnegie Mellon University con un background in robotica, la mette in questo modo: “Se hai una tavolozza di possibili futuri per gli studenti, e prendi un futuro possibile, e lo rendi così brillante, eccitante e sorprendente versando denaro sul processo di marketing che supera qualsiasi possibile marketing fatto da alternative che sono più socialmente orientate – i ragazzi hanno il libero arbitrio? È un campo equo ed equilibrato?

” Certo che no”.

Lockheed non ha risposto entro la scadenza alle richieste di commento su questo articolo.

Per più di un anno, In These Times ha indagato sulla presenza di Lockheed e di altri produttori di armi nei campus, setacciando i rapporti annuali aziendali e universitari, i documenti dell’IRS, i profili LinkedIn, i budget, i registri legislativi e le politiche accademiche, oltre a intervistare studenti e professori. La maggior parte degli studenti ha richiesto pseudonimi, indicati con asterischi*, in modo da non influire negativamente sulle loro prospettive di carriera. Molti hanno parlato positivamente di Lockheed.

“Probabilmente è ciò a cui aspirano la maggior parte degli ingegneri, specialmente nel settore meccanico e aerospaziale che vogliono entrare nelle carriere della difesa”, afferma Sam*, che si è laureato in ingegneria aerospaziale nel dicembre 2021. “Sono uno dei più grandi appaltatori della difesa in questo paese, quindi hai l’opportunità di lavorare su una tecnologia molto all’avanguardia”.

Altri studenti credono che mettere a disposizione le loro abilità per uso militare non sia etico.

Alan*, laureato nel dicembre 2021 in ingegneria elettrica presso l’Università della Florida occidentale che attualmente è alla ricerca di lavoro mentre vive con i suoi genitori, dice che non sta guardando agli appaltatori della difesa e sta invece resistendo per trovare una posizione che gli permetta di lasciare la Terra migliore di come l’ha trovata. “Quando si tratta di ingegneria, abbiamo una responsabilità”, afferma. “Ogni strumento può essere un’arma. … Non sento davvero il bisogno di mettere a disposizione i miei doni per fare più bombe”.

Situata vicino alla più grande base aeronautica del mondo nella penisola della Florida, la University of West Florida ospita regolarmente reclutatori dell’industria della difesa, tra cui Lockheed. Alan dice che aziende come Lockheed hanno allestito tavoli negli edifici studenteschi per reclutare nei corridoi.

“Sono appena passato davanti a quei tavoli”, dice, “ma a volte ti chiamano. È un po ‘come andare al centro commerciale e la gente vuole che tu provi il loro sapone. È un po’ fastidioso, ma capisco che hanno sempre bisogno di nuove persone”.

La nostra indagine ha scoperto che questo accesso illimitato al reclutamento fa parte di un intreccio più profondo e crescente tra università e industria della difesa.

Decenni di disinvestimento statale nell’istruzione superiore pubblica sono confluiti con una crescente enfasi sulla ricerca sponsorizzata, e in un’epoca di debito studentesco in crescita, i miliardi di spesa annuale per la difesa sostengono i bilanci universitari e sovvenzionano l’istruzione degli studenti. Il risultato è che molti programmi STEM universitari in tutto il paese sono diventati oleodotti per gli appaltatori di armi.

Dall’11/9, gli Stati Uniti hanno speso 8 trilioni di dollari in guerra. Nel 2020, per la prima volta, i finanziamenti federali a Lockheed Martin hanno superato quelli del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti, l’agenzia federale incaricata di distribuire borse di studio e sovvenzioni Pell.

GRANDE NOME NEL CAMPUS

Il campus del Georgia Institute of Technology a Midtown Atlanta presenta 400 acri di prati ben curati, impianti sportivi ed edifici in mattoni rossi in stile gotico collegiale, intervallati da un mix eclettico di strutture che raccontano l’evoluzione dell’università nel corso di 13 decenni.

Le facciate revival romaniche, neoclassiche e rinascimentali si scontrano con il design brutalista in cemento della scuola di architettura e gli esterni sporgenti in acciaio e vetro e il tetto verde del Clough Commons certificato LEED. Parti del Villaggio Olimpico del 1996 sono state convertite in alloggi per studenti. Gli edifici accademici sono collegati da passerelle di vetro.

Le caserme erette durante la seconda guerra mondiale sono state abbattute e i campi di atletica non sono più utilizzati per testare l’artiglieria. L’addestramento militare, una volta richiesto per matricole e studenti del secondo anno, è stato interrotto.

Ma se sei uno studente di ingegneria alla Georgia Tech, Lockheed è onnipresente.

Potresti incontrare i reclutatori di Lockheed alle fiere di carriera o nelle lobby dello Student Success Center, della School of Electrical and Computer Engineering o del College of Computing.

Potrebbero ospitare un seminario sull’esplorazione spaziale nel Clary Theatre.

Potrebbero sponsorizzare sfide e assegnare premi agli studenti durante la “Engineering Week” o ospitare workshop in cui i team utilizzano Minecraft e mattoncini Lego per esplorare il futuro del lavoro digitale.

Vedrai il logo di Lockheed visualizzato sul sito web del centro di carriera e sul portale per il lavoro insieme ad altre società come ExxonMobil, Capital One e The Home Depot – solo uno dei privilegi di Lockheed come membro del programma di partnership aziendale dell’università.

In qualità di Executive Partner, Lockheed ha a disposizione sale colloqui, consultazioni con il team di relazioni con i datori di lavoro della scuola e accesso a un elenco di curriculum online con studenti attuali e neolaureati. Georgia Tech assiste anche gli studenti con un modello di lettera di presentazione per Lockheed.

E, naturalmente, c’è il Lockheed Martin Day.

“Mostrano alcune simulazioni di volo, ma potresti anche dare a un reclutatore il tuo curriculum e potrebbero farti un colloquio”, dice Sam, che era intenzionato a fare uno stage presso il laboratorio satellitare di Georgia Tech sul terreno dell’impianto aeronautico di Marietta, in Georgia, della Lockheed, prima che Covid spostasse in remoto lo stage. “Aspiro sicuramente a entrare in Lockheed un giorno.”

Sam è stato impostato sul campo della difesa fin dal liceo, ispirato, in parte, dalla visione di documentari sull’Area 51, la struttura classificata dell’Air Force in Nevada al centro delle teorie della cospirazione UFO, che è stata utilizzata per testare l’aereo da ricognizione U-2 della Lockheed durante la Guerra Fredda.

L’opportunità di lavorare su tecnologie segrete e all’avanguardia lo attrae verso l’azienda.

Altri studenti non sono così entusiasti della presenza del campus della Lockheed.

Cameron Davis, che si è laureato alla Georgia Tech con una laurea in ingegneria informatica nel 2021, dice: “Molte persone con cui parlo non si sentono al 100% a proprio agio a lavorare su contratti della difesa, lavorando su cose che fondamentalmente uccideranno le persone”. Ma, aggiunge, la paga lucrativa degli appaltatori della difesa “allontana molti dei tuoi disaccordi morali con la difesa”.

Nel 2019 e nel 2021, Lockheed è stato il più grande datore di lavoro di ex studenti dell’università e la società è stata una di quelle che ha fatto più colloqui di lavoro alla Georgia Tech almeno dal 2002.

“Anche nel mio campo – che non è nemmeno adiacente alla difesa come l’ingegneria aerospaziale o l’ingegneria meccanica – aziende come Raytheon hanno programmi dedicati a reclutare persone”, afferma Davis. “Sono stato in coda per altre aziende a una fiera della carriera e gli appaltatori della difesa si sono avvicinati letteralmente a me in fila e mi hanno detto: ‘Ehi, vuoi parlare di elicotteri o qualcosa del genere?’”

“La presenza aziendale alla Georgia Tech è un po ‘travolgente a volte”, afferma Adam*, uno studente laureato in machine learning. “Il college spinge in modo molto aggressivo per ottenere una carriera, il che è fantastico per molte persone, ma a volte sento che non c’è abbastanza enfasi posta nel prendere in considerazione il lato morale ed etico di esso”.

Come alternative all’impiego con gli appaltatori della difesa, gli studenti STEM potrebbero lavorare su tecnologie per decarbonizzare la rete elettrica, rivoluzionare i trasporti o reimmaginare l’ambiente costruito. Dopo la laurea, potrebbero accettare posti di lavoro presso la Federal Aviation Administration, EPA o NASA.

“Parlo molto dei costi opportunità”, dice Nourbakhsh, che insegna una classe di etica per matricole alla Carnegie Mellon. “Non importa se qualcun altro farà quel lavoro o meno. Ciò che conta è ciò che vuoi essere orgoglioso di fare nella tua vita. Se scegli di fare la cosa A e lavorare su questo progetto militare, allora stai esplicitamente scegliendo di non fare le cose B, C, D ed E.

Il sito web della carriera di Lockheed Martin presenta una campagna entusiasta su ciò che le persone possono fare “solo qui” in Lockheed. Per molti studenti, tale elenco include sempre più il pagamento dei prestiti agli studenti.

GLI STUDENTI RICERCATORI MILITARI

Clifford Conner ricorda il suo primo anno alla Georgia Tech, nel 1959, quando la scuola era ancora segregata. Ha studiato psicologia sperimentale. Quando si avvicinò la laurea, i suoi professori – che lavoravano anche nell’ufficio Marietta della Lockheed Corporation appena a nord di Atlanta – dissero che avrebbero potuto aiutarlo a trovare un lavoro alla Lockheed. Conner accettò.

Il suo lavoro sul design dell’ala del C-5 Galaxy, allora il più grande aereo cargo militare del mondo, lo portò in Inghilterra, dove iniziò a leggere molto sulla guerra in Vietnam. “Non ero sotto l’incantesimo della stampa americana”, dice Conner. Dopo alcuni anni con la Lockheed, la lasciò e si unì al movimento contro la guerra.

Gli ci volle un altro anno per trovare un lavoro a circa un terzo dello stipendio che guadagnava alla Lockheed.

Conner divenne storico della scienza e professore alla CUNY School of Professional Studies. Il suo libro più recente, The Tragedy of American Science: From Truman to Trump (2020), esplora come i campus STEM si siano allontanati dal miglioramento della condizione umana verso il progresso degli interessi aziendali e della difesa. Scrive del Bayh-Dole Act, che ha rimosso le restrizioni sulle licenze pubbliche nel 1980 e “ha aperto le porte agli investitori aziendali che cercano la proprietà monopolistica di tecnologie innovative”. La legge ha permesso alle università e alle organizzazioni non profit di depositare brevetti su progetti finanziati con denaro federale, dalle armi ai prodotti farmaceutici. La logica era quella di incoraggiare la collaborazione commerciale e sottolineare l’idea che le invenzioni finanziate a livello federale dovrebbero essere utilizzate per sostenere un sistema di libero mercato.

“Dopo il Bayh-Dole Act, i confini tra ricerca aziendale, universitaria e governativa erano tutti sfocati”, dice Conner a In These Times.

Poi, nel 1990, l’amministrazione del presidente Bill Clinton ha covato l’idea di dare grandi borse di ricerca federali alle università con una società partner integrata, spiega Peter Asaro, filosofo della scienza, della tecnologia e dei media e professore associato presso la New School.

“L’idea è che si ottiene la ricerca di base o la prova dei concetti di innovazioni tecnologiche che escono dal sistema universitario, e poi li si passa a un appaltatore della difesa che lo svilupperà fino al punto in cui diventa qualcosa che i militari possono effettivamente usare”, dice Asaro. “A partire dal 2000 circa, [il governo] ha davvero preso di mira istituzioni specifiche con forti programmi di ingegneria con modelli di partnership. Gran parte di quell’iniziativa nei primi anni 2000 è stata quella di stabilire collaborazioni di ricerca tra università e appaltatori della difesa.

Il rapporto di Lockheed con Georgia Tech si è solo rafforzato dal tempo di Conner come studente.

La divisione di ricerca applicata di Georgia Tech, nota come Georgia Tech Research Institute (GTRI), ora ha quattro laboratori direttamente nel campus aeronautico di Lockheed a Marietta, dopo aver preso in prestito circa 62 milioni di dollari nel 2017 per acquistare le strutture da Lockheed e rinnovarle. La nuova struttura tentacolare, soprannominata Cobb County Research Facility South (CCRF-South), si trova su un vecchio impianto dell’Air Force adiacente alla Dobbins Air Reserve Base, che condivide una pista con Lockheed. Accanto, Lockheed assembla aerei da trasporto militare C-130 e l’ala centrale del jet da combattimento F-35.

Come laboratorio finanziariamente indipendente affiliato a Georgia Tech, GTRI si basa su finanziamenti sponsorizzati per la sua ricerca.

Nel 2021, GTRI ha ricevuto oltre 780 milioni di dollari in sponsorizzazioni, che superano le entrate combinate dell’università dalle tasse scolastiche e dagli stanziamenti statali. Il novanta per cento dei finanziamenti del GTRI proviene dal Pentagono.

CCRF-South dispone di oltre 200.000 piedi quadrati di uffici, laboratori, un auditorium, una sala da pranzo comune e luminosi spazi di co-working. Ulteriori 140.000 piedi quadrati di spazio di magazzino industriale a scaffalature alte sono dedicati ai singoli laboratori di assemblaggio dotati di gru in grado di sollevare fino a 30 tonnellate. All’interno dei laboratori, ricercatori e studenti lavorano su tutto, da missili, sensori e radar all’identificazione degli obiettivi, test di droni e simulazioni di sistemi d’arma.

I dettagli della ricerca sulle armi possono richiedere anni per essere ottenuti attraverso richieste di registri pubblici, se non negati del tutto, perché sono considerati proprietari o classificati. Gli studenti della Georgia Tech erano riluttanti a parlare con la stampa dei dettagli del loro lavoro alla difesa. Ad un numero non specificato è stato richiesto di firmare accordi di non divulgazione e ottenere autorizzazioni di sicurezza.

Ma i curriculum e gli annunci di lavoro disponibili al pubblico per gli studenti ricercatori del GTRI descrivono esplicitamente il lavoro sulla tecnologia delle armi.

Inoltre, i rapporti annuali di GTRI mostrano che i laboratori hanno lavorato su simulatori per gli elicotteri Black Hawk di Lockheed e analisi dei dati di volo per il jet da combattimento F-35. Ha anche un ufficio presso l’Aviation & Missile Center dell’esercito e un contratto di ricerca “indefinite delivery, indefinite quantity” con l’esercito, potenzialmente del valore di 2. 35 miliardi di dollari in 10 anni. GTRI fornisce supporto tecnico e prototipazione al Distributed Common Ground System, la rete di intelligence e combattimento globale del Pentagono 24 ore su 24, 7 giorni su 7, quasi in tempo reale che analizza i dati dei droni Global Hawk, Predator e Reaper.

Dal 2012, GTRI ha più che raddoppiato le sue entrate e il CCRF-South è stato istituito per accogliere la sua espansione.

“Ci sono studenti laureati che dipendono da quelle [sovvenzioni per la difesa]”, dice Asaro. “Questa è la filiera perché fondamentalmente sta pagando per la laurea, sta pagando vitto e alloggio, i loro stipendi mentre stanno ottenendo la laurea, e nel frattempo sono diventati esperti nel sistema che sta per passare a questo appaltatore privato che è lì con un lavoro in attesa che questo studente laureato finisca di laurearsi. “

Georgia Tech non ha risposto entro la scadenza alle richieste di commento su questo articolo.

Nourbakhsh, alla Carnegie Mellon, non prende finanziamenti militari per la ricerca nel suo Community Robotics, Education and Technology Empowerment Lab. Oggi, dice, non è insolito che i professori rifiutino i finanziamenti per la difesa nei loro laboratori.

Crede che vedere i professori “fare la cosa giusta” possa avere una grande influenza nel campus STEM. Ma dice anche che le università sono diventate fondamentalmente dipendenti dai finanziamenti per la difesa.

“Se altri 50 professori del mio dipartimento lo facessero [rifiutassero i finanziamenti militari], non ci sarebbero abbastanza soldi”, dice Nourbakhsh. “La direzione della ricerca qui viene stabilita dai complessi industriali, militari-industriali e governativi, piuttosto che dai singoli professori”.

A differenza dell’Europa, gli Stati Uniti non forniscono alle università finanziamenti generali per sostenere la ricerca di base, o “ricerca per il bene della ricerca”. Un’analisi del 2019 dell’American Association for the Advancement of Science, ad esempio, rileva che “in media, un terzo della ricerca e sviluppo nei paesi OCSE” è finanziato da “sovvenzioni governative utilizzate a discrezione degli istituti di istruzione superiore”, ma gli Stati Uniti non hanno lo stesso meccanismo.

Gli stanziamenti statunitensi per l’istruzione superiore pubblica, nel frattempo, sono diminuiti significativamente negli ultimi due decenni, mentre l’ambiente della ricerca ha visto le università svolgere una quota sempre maggiore della ricerca tecnologica della nazione. Il Dipartimento della Difesa è stato la terza più grande fonte di finanziamenti federali per la ricerca e lo sviluppo per le università per decenni (dopo il Dipartimento della salute e dei servizi umani e la National Science Foundation).

Ma le università cercano anche denaro del settore privato per finanziare direttamente la ricerca, e il settore della difesa è stato un donatore disponibile.

Negli ultimi anni, Lockheed ha collaborato con una rete di oltre 100 università per far progredire la tecnologia ipersonica – armi che viaggiano così velocemente da non essere rilevabili dai radar – e ha firmato accordi di ricerca master per collaborazioni pluriennali con Purdue, Texas A & M e Notre Dame nel 2021.

Oltre a fornire innovazioni tecnologiche alle aziende della difesa, queste partnership fungono anche da filiere di occupazione. L’Università del Colorado Boulder ha collaborato sui sistemi spaziali con Lockheed per quasi due decenni. In una dichiarazione sul sito web dell’università, un dirigente della Lockheed (e alunno della scuola) scrive: “Lockheed Martin impiega circa 56.000 ingegneri e tecnici, il 35% dei quali potrebbe andare in pensione nei prossimi anni. Dobbiamo mantenere una ‘filiera di talenti’ per colmare questa lacuna in sospeso: attualmente, la nostra principale fonte di talenti è CU-Boulder”.

Luis (a destra), un ingegnere di progettazione di circuiti alla Lockheed, festeggia con sua moglie dopo aver pagato più di $ 300.000 in debito studentesco, come descritto in un messaggio promozionale sul sito web di Lockheed Martin.
FOTO VIA LOCKHEED MARTIN

GRAVATI DAI DEBITI

Quasi la metà del bilancio discrezionale della nazione va verso le spese militari; di quel denaro, da un terzo alla metà va ad appaltatori privati, secondo un’analisi del 2021 del ricercatore militare William Hartung per il Costs of War Project della Brown University.

Oggi, 46 milioni di americani detengono un debito studentesco per un totale di 1. 7 trilioni di dollari, che è il costo di vita previsto per i contribuenti statunitensi del programma di caccia F-35 di Lockheed – il sistema d’arma più costoso mai costruito.

Un dipendente in primo piano sul sito web di Lockheed, Luis, dice che ha lavorato come ingegnere di progettazione di circuiti alla Lockheed per cinque anni. Prima di iniziare alla Lockheed, ha accumulato 187.000 dollari in debiti studenteschi.

“Come studente universitario immigrato di prima generazione, i miei genitori non hanno avuto la saggezza di fornirmi la guida adeguata”, dice sul sito web di Lockheed, riferendosi al processo di iscrizione al college.

Dopo aver conseguito un master in ingegneria elettrica, Luis ha ottenuto un lavoro con Lockheed, dove ha approfittato del programma di rimborso delle tasse scolastiche dell’azienda per conseguire un secondo master in ingegneria informatica. “Questo è stato realizzato mentre pagavo sia il debito di mia moglie che il mio prestito studentesco per un totale di oltre 337K dollari”, dice Luis. “Dopo cinque anni, ora siamo LIBERI DAL DEBITO!”

Lockheed è tra un numero crescente di aziende che offrono assistenza per prestiti studenteschi ai propri dipendenti. Il programma Invest In Me della società offre ai laureati in arrivo un bonus in contanti mensile di 150 dollari per cinque anni e un programma di rifinanziamento del prestito studentesco. Ogni anno, Lockheed assegna borse di studio da 10.000 dollari a 200 studenti che possono essere rinnovate fino a tre volte per un potenziale di 40.000 dollari. Lockheed elenca anche 61 università che partecipano al suo programma di borse di studio STEM, che dovrebbero investire un minimo di 30 milioni in cinque anni come parte di una più ampia iniziativa di istruzione e innovazione da 460 milioni utilizzando i guadagni dei tagli fiscali sulle società di Trump del 2017.

In un sondaggio del 2015 di American Student Assistance, il 53% degli intervistati ha dichiarato che il debito studentesco è stato un “fattore decisivo” o ha avuto un “impatto considerevole” sulla loro scelta di carriera.

“Spingere le persone verso l’istruzione superiore è stata la nostra politica del lavoro”, spiega Astra Taylor, scrittrice, regista e co-fondatrice del Debt Collective, un sindacato dei debitori con radici in Occupy Wall Street. “Ti stai indebitando per il privilegio di essere assunto, e dà alle aziende questo potere economico perché poi possono dire: ‘Possiamo aiutare ad alleviare parte del dolore economico che hai subito per renderti attraente per noi’”.

Raytheon, Northrop Grumman e Boeing forniscono tutti una qualche forma di aiuto agli studenti, come borse di studio e rimborsi delle tasse scolastiche.

Il Lockheed Martin Day, parte di uno sforzo più ampio per creare una filiera completa da studente a produttore di armi, include colloqui di lavoro nello stesso giorno presso l’Università di New Haven il 19 febbraio 2020.
COURTESY OF THE UNIVERSITY OF NEW HAVEN; PHOTOGRAPHED BY DEFINING STUDIOS & DEFINING PROPERTIES

DIVERSIFICARE LA PRODUZIONE DI ARMI

Il settore della difesa privata indirizza gran parte del suo sostegno finanziario verso college e università storicamente nere (HBCU) e studenti provenienti da gruppi minoritari come parte degli sforzi dichiarati verso la diversificazione della forza lavoro e la promozione di posti di lavoro STEM tra una fascia demografica che è criticamente sottorappresentata nei campi STEM. Il sito web e il rapporto annuale di Lockheed rilevano che i gruppi minoritari sono il “segmento in più rapida crescita nel mercato del lavoro” e che il reclutamento attraverso “stage, identificazione precoce dei talenti, programmi educativi periferici, cooperative, apprendistati e pre-apprendistati” è parte integrante della costruzione di diverse filiere di dipendenti.

Questa tendenza suscita vecchie controversie sul reclutamento militare nelle comunità di colore. L’esercito ha a lungo preso di mira le scuole superiori a maggioranza minoritaria e le HBCU con i suoi programmi e borse di studio del Corpo di addestramento degli ufficiali della riserva, nella misura in cui i critici si riferiscono ad esso come un oleodotto scuola-soldato. Senza l’arruolamento e il conseguente finanziamento, molti studenti non riceverebbero un’istruzione superiore. Secondo un rapporto del 2016 della Brookings Institution, gli studenti neri detengono in media 7.400 dollari in più di debito studentesco rispetto alle loro controparti bianche dopo la laurea – un divario che si allarga a quasi $ 25.000 quattro anni dopo. L’esercito sfrutta le difficoltà degli studenti per raggiungere i suoi obiettivi di reclutamento.

Indipendentemente da ciò, “le implicazioni razziali” delle azioni militari statunitensi “sono difficili da evitare”, ha detto l’attivista per i diritti civili e deputato John R. Conyers Jr. (D-Mich.) all’inizio della guerra in Iraq nel 2003. “Questo accadrebbe [agli iracheni] se non fossero non-bianchi?” Un sondaggio Gallup all’epoca trovò che 7 neri americani su 10 si opponevano alla guerra, mentre 8 americani bianchi su 10 erano favorevoli.

“Se questi studenti non fossero preoccupati per il costo del college, sarebbero altrettanto inclini ad accettare un lavoro presso un appaltatore della difesa piuttosto che fare qualcos’altro nella loro comunità?” – Astra Taylor

Joshua Myers, professore associato di studi africani alla Howard University, una HBCU, e autore di We Are Worth Fighting For: A History of the Howard University Student Protest del 1989, nota la storia della resistenza al reclutamento militare presso le HBCU. “Gli studenti di Howard bloccarono l’università nel 1925 per il ROTC obbligatorio”, dice.

Oggi, le offerte di ROTC agli studenti HBCU di un’istruzione senza debiti sono rispecchiate dalle offerte dell’industria della difesa.

Lockheed ha avviato iniziative di formazione e reclutamento STEM presso 20 istituzioni che servono le minoranze (MSI), tra cui 16 HBCU. Dei beneficiari della borsa di studio Lockheed 2021, il 60% si è identificato con un gruppo razziale o etnico minoritario. Nell’anno accademico 2020-2021, oltre il 40% delle assunzioni all’inizio della carriera di Lockheed si è identificato come persone di colore, con 450 provenienti da MSI.

“Gli studenti che lavorano in questi spazi non conoscono la gravità – sono sistematicamente resi ignoranti della gravità – di partecipare a questi sistemi”, afferma Myers.

L’industria della difesa colma le lacune di finanziamento per le HBCU, che hanno dotazioni in media inferiori del 70% rispetto alle loro controparti non HBCU. Howard ha una partnership formale con Lockheed, che sponsorizza il Cybersecurity Education & Research Center della business school ed è elencato nel Trustees’ Circle of donors. Nel 2020, Lockheed è stata nominata il principale sostenitore del settore delle istituzioni di ingegneria HBCU per il settimo anno consecutivo da U.S. Black Engineer and Information Technology Magazine.

Howard ospita anche uno delle 25 sedi del paese di Dissenters, un gruppo contro la guerra guidato da giovani che è stato lanciato nel gennaio 2020 con l’ambizioso obiettivo di definanziare l’esercito.

Nel febbraio 2020, la sede di Howard ha pubblicato un video di organizzatori che distribuiscono volantini e sensibilizzano su Lockheed al di fuori del College of Engineering mentre i rappresentanti dell’azienda reclutano studenti nella hall.

“Hai detto che il CEO era un sostenitore delle donne e delle minoranze”, dice un organizzatore studentesco durante una presentazione di reclutamento. “Come fa a mantenere quel ruolo di capo di un’azienda che produce armi che bombardano e uccidono donne e bambini in luoghi come la Palestina, lo Yemen, la Libia e il Medio Oriente?”

Il reclutatore risponde: “Non ne ho idea”.

I SOLDI CONTANO

In definitiva, la profonda portata di Lockheed nell’istruzione superiore riflette le priorità nazionali.

Dall’11/9, gli Stati Uniti hanno speso 8 trilioni di dollari in guerra. Nel 2020, per la prima volta, i finanziamenti federali a Lockheed hanno superato quelli del Dipartimento dell’Istruzione degli Stati Uniti, l’agenzia federale incaricata di distribuire borse di studio e sovvenzioni Pell. Biden ha richiesto 813 miliardi di dollari di spese per la difesa per l’anno fiscale 2023, che include il più grande stanziamento di sempre per la ricerca e lo sviluppo.

” Naturalmente sono le industrie della difesa che hanno la capacità di offrire queste condizioni favorevoli alle persone, perché sono anche parassiti nelle casse pubbliche “, dice Astra Taylor. “Se questi studenti non fossero preoccupati per il costo del college, sarebbero altrettanto inclini ad accettare un lavoro presso un appaltatore della difesa piuttosto che fare qualcos’altro nella loro comunità?”

Conner non biasima gli studenti per aver accettato posti di lavoro nell’industria della difesa. “[Loro] si rendono conto che se stanno per trovare un lavoro quando si laureano, sarà in uno di questi posti. E possono protestare quanto vogliono, ma devono essere la punta di diamante di una protesta più ampia che coinvolga l’intera società”.

Maggie Duffy, Eloise Goldsmith e Jack McCordick hanno contribuito al fact-checking.

Questo rapporto è stato supportato dal Leonard C. Goodman Institute for Investigative Reporting.

Fonte: InfoAut