Categoria: ipp dal mondo

GLI ORRORI NEONAZISTI IN UCRAINA E LA GUERRA SENZA FINE DELLA NATO

di Barbara Spinelli – Il Fatto Quotidiano, 9 maggio 2022 Man mano che passano i giorni, i neonazisti che combattono a fianco delle truppe regolari ucraine, e in particolare quelli asserragliati nell’acciaieria Azovstal, sono chiamati con nomi più benevoli: vengono presentati come eroici partigiani, difensori ultimi dell’indipendenza ucraina. Zelensky che inizialmente voleva liberarsi dei neonazisti oggi dipende dalla loro resistenza

L’uovo del serpente

di Franco Berardi Bifo Chi fosse Putin lo sapevano tutti: un nazionalista russo formato alla scuola dei servizi segreti e al culto della violenza. È stato utile quando c’era da distruggere l’eredità dell’Unione sovietica trasformando la Russia in una componente del sistema finanziario globale. Del resto anche Saddam Hussein e Osama bin Laden non erano sono stati finanziati e armati

I rischi della belligeranza

L’Italia ha aderito alle sanzioni economiche “dure” alla Russia imposte dalla Ue anche dietro le forti pressioni di Washington e ha accettato di fornire armi “letali” alle forze ucraine divenendo così indirettamente “belligerante” contro la Russia. L’iniziativa europea ha visto lo stanziamento di 450 milioni di euro da parte di Bruxelles più altri 500 annunciati oggi dall’Alto rappresentante dell’Ue per

Lavoro: i dipendenti di Amazon incrociano le braccia per una giornata di sciopero. Protesta contro carichi di lavoro e adeguamento indennità

22 Marzo 2021 di RED-ROM (PRIMAPRESS) – MILANO – E’ Iniziato questa mattina lo sciopero nazionale dei lavoratori della “filiera” di Amazon che oggi incrocieranno le braccia. La giornata di protesta è stata lanciata dai sindacati del settore trasporti, Fit Cisl, Filt Cgil e Uiltrasporti,e coinvolgerà per 24 ore i dipendenti diretti e i lavoratori che operano negli appalti dei servizi